MUSICA STREAMING: QUALI SONO I MIGLIORI SERVIZI

08 Apr 2022
INTERNET
Giorgio Paciarelli

I servizi di musica in streaming stanno crescendo in modo esponenziale da alcuni anni a questa parte. Un nuovo modo di ascoltare musica, in mobilità, sempre a disposizione in qualsiasi posto e momento.Un servizio musicale digitale permette di riprodurre milioni di brani su più dispositivi come smartphone, pc, tablet, speaker bluetooth, soundbar o smart TV, organizzando le vostre playlist musicali preferite.

Potete ascoltare musica online ovunque voi siate, semplicemente con una connessione internet e un’app per smartphone, usufruendo di un immenso archivio di generi musicali, di album di anni passati o di artisti emergenti e senza interruzioni pubblicitarie, semplicemente con un abbonamento mensile o annuale a uno dei molti servizi si streaming.

Spotify è uno dei più famosi, sempre in crescita, con oltre 70 milioni di abbonati in tutto il mondo. Ma ci sono moltissimi altri siti di streaming on demand e alternative a Spotify come Dezer, Apple Music, Google Play, Amazon Music, Tidal ecc, con diverse caratteristiche e prezzi.

Non si compra più la musica, ma il diritto di accesso a usufruire del contenuto senza possederne i diritti come nel caso di acquisto di un cd o vinile, una sorta di noleggio audio. Questa soluzione piace molto agli utenti, perché con un prezzo irrisorio è possono accedere a tutta la musica che vogliono, ma cosa più comoda è che non c’è nulla di fisico, quindi non occupa spazio nel disco del computer o memoria nello smartphone.

L’unica cosa necessaria è una connessione internet e una cuffia meglio se bluetooth! Inoltre sempre più speaker bluetooth integrano un assistente vocale che, grazie alla connessione wireless, permettono di interagire e riprodurre la musica in streaming con semplici comandi vocali.

Musica in streaming: utilizzo

La musica fa parte della nostra vita quotidiana. Secondo l’ultimo rapporto IFPI basato su una ricerca in 19 paesi, in media ogni utente ascolta musica per 17,8 ore a settimana, ovvero 2,5 ore al giorno.

  • Il 75% dei consumatori utilizza gli smartphone per ascoltare la musica.
  • L’86% dei consumatori ascolta la musica attraverso lo streaming
  • Il 66% ascolta musica in auto
  • Il 40% mentre lavora o studia
  • Il 54% mentre cucina o fa pulizie.
  • Il 36% mentre fa attività fisica o in palestra
  • In Italia nel 2018 il 53% utilizza servizi di musica on-demand, con un incremento del 7% rispetto il 2017.

Migliori servizi di musica in streaming prezzi e qualità audio

La scelta di un servizio di musica on line rispetto ad un altro è personale e basata sulle proprie esigenze sia di costi che di catalogo e qualità audio. Se avete delle buone cuffie, auricolari o speaker bluetooth potreste cercare una qualità migliore del semplice mp3 per apprezzare al meglio le vostre canzoni preferite. Alcuni offrono oltre che il tradizionale formato Mp3 anche formati audio digitali FLAC (Free Lossless Audio Codec, è un formato di file con compressione senza perdita di qualità) per un ascolto in alta fedeltà con qualità CD ovvero da 44.1 kHz/16bit a 192kHz/24Bit.
Consiglio di sfruttare la prova gratuita che viene messa a disposizione per capire meglio quali servizio si più adatto alle vostre esigenze.

  • Spotify Music
  • Deezer Music
  • Tidal
  • Qobuz
  • Google Play Music
  • Amazon Music Unlimited
  • Apple Music
  • YouTube Music
  • Napster
  • Radio in Streaming

Lascia un commento

commenti