MERCEDES CLASSE A W177 – 2018

10 Ott 2020
AUTOMOBILI
Giorgio Paciarelli
La sigla W177 rappresenta la quarta generazione della Mercedes-Benz Classe A, un’autovettura di segmento C prodotta dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz dal 2018.

Nel 2018 è stata presentata a Ginevra la quarta generazione della Classe A, siglata stavolta W177. Più grande della W176 (oltre 11 cm in più in lunghezza), ne riprende tuttavia l’impostazione generale della carrozzeria, ma adeguandola al più recente corso stilistico Mercedes-Benz, già inaugurato con il lancio, avvenuto poco tempo prima, della terza generazione della CLS. In virtù dell’alleanza fra la Daimler AG (detentrice del marchio Mercedes-Benz) ed il gruppo Renault-Nissan-Mitsubishi, la quarta generazione della Classe A utilizza al suo debutto motori provenienti in gran parte dalla produzione del colosso franco-nipponico, in particolare il 1.5 a gasolio e il 1.3 a benzina. La W177 è anche la prima Classe A ad essere dotata di un primo sistema di guida autonoma, mutuato direttamente dalla ben più esclusiva Classe S.

Nel 2019 è annunciato il lancio della Classe A Berlina, l’inedita variante “con la coda” di Classe A. La nuova Berlina presenterà una lunghezza superiore di 13 cm rispetto al modello W177 rivelando un vano bagagli più ampio con un volume di carico di 420 litri. Anche Classe A Berlina sarà proposta con sistema multimediale MBUX (Mercedes-Benz User Experience) di serie e comandi vocali e avrà disponibili tutti i sistemi di sicurezza presenti nel modello W177. Al momento del lancio saranno però disponibili soltanto due motorizzazioni: Classe A Berlina 200 turbobenzina con 163 CV e Classe A Berlina 180 d turbodiesel con 116 CV entrambe le versioni con cambio automatico doppia frizione 7G-Dct e trazione anteriore.

MOTORE 180 D

Il Mercedes-Benz OM607 è un motore Diesel prodotto dal 2012 al 2019 dalla casa automobilistica francese Renault per la tedesca Mercedes-Benz.

Questo motore può essere definito il primo prodotto della joint-venture stretta all’inizio del 2010 dalla Daimler-Benz con il gruppo Renault-Nissan. Si tratta di un motore strettamente imparentato con il diesel K9K da 1461 cm³, del quale tra l’altro vengono conservate le stesse caratteristiche dimensionali, e perciò anche le misure di alesaggio e corsa, pari a 76 × 80,5 mm.

A partire dal 1.5 K9K largamente diffuso nella produzione Nissan e Renault, la casa di Stoccarda ha però effettuato alcune modifiche: per esempio, nuovi sono l’intercooler, l’alternatore, il motorino di avviamento, i condotti di aspirazione e di scarico ed i supporti del motore. Per il resto, il propulsore mantiene inalterate le caratteristiche di origine, tra cui la distribuzione monoalbero in testa con due sole valvole per cilindro. Anche se apparentemente superato, tale motore è stato indicato da varie fonti come uno dei più moderni ed efficienti nella sua categoria.

L’assemblaggio di tale motore avviene allo stabilimento Renault di Valladolid, per cui è di fatto un motore Renault, che però trova applicazione prevalentemente nella produzione Mercedes-Benz.

Di seguito vengono elencate tutte le principali caratteristiche del motore OM607:

  • monoblocco e basamento in ghisa;
  • testata in lega leggera;
  • alesaggio e corsa: 76 × 80,5 mm;
  • cilindrata: 1461 cm³;
  • distribuzione ad un asse a camme in testa;
  • testata a due valvole per cilindro;
  • alimentazione ad iniezione diretta common rail;
  • sovralimentazione mediante turbocompressore ed intercooler;
  • albero a gomiti su 5 supporti di banco.

Alla fine del 2019, con la scomparsa della prima generazione della Classe GLA e l’aggiornamento dei motori del furgone Citan, il motore OM607 è stato sostituito dalla sua diretta evoluzione, il motore OM608.

STORIA DELLA CLASSE A

La Mercedes-Benz Classe A è un modello di autovettura prodotta dalla casa automobilistica tedesca Mercedes-Benz. La prima generazione (W168) fu introdotta nel 1997 e una seconda generazione (W169) nel 2004. Quest’ultimo modello fu disponibile nella versione a 5 porte o 3 porte (Coupé). La terza generazione (W176), lanciata nel 2012, pur riprendendo il nome, introdusse una impostazione e una filosofia completamente diversa, riprese nel 2018 con l’arrivo della quarta generazione (W177).

La storia della nascita della Classe A affonda le sue radici già nei primi anni ottanta: fu infatti nel 1982 che la Casa di Stoccarda cominciò ad accarezzare l’idea di ampliare verso il basso la propria gamma, fino a quel momento costituita essenzialmente da grandi berline eleganti, lussuose e raffinate. Un primo passo verso l’espansione della Casa in segmenti di mercato inferiori si ebbe già proprio in quel 1982, con il lancio della 190, una berlina a tre volumi più compatta di quelle già in listino e che avrebbe raccolto un grande successo di vendite. Ma l’allora gruppo Daimler-Benz voleva espandersi ancora più in basso senza tuttavia dare l’idea di voler abbandonare la sua aura di eleganza e raffinatezza che da sempre l’aveva caratterizzata.

Voleva una vettura compatta sì, anche per la città, ma allo stesso tempo sfiziosa e alla moda, lussuosa e rifinita. Per questo la gestazione della futura Classe A si rivelò così lunga e complicata. Il 1982 fu anche l’anno in cui Mercedes-Benz presentò il suo primo prototipo di vettura da città, denominato NAFA e piuttosto spigoloso nelle linee. Ma fu nei primi anni del decennio seguente che il progetto entrò nel vivo, con tutto un susseguirsi di proposte di stile. Fu tra l’altro proprio alla fine del 1992 che trapelò la notizia relativa al fatto che la nuova compatta di Casa Mercedes-Benz avrebbe avuto una carrozzeria di tipo monovolume, una scelta quantomai inconsueta e inaspettata per una Casa come quella della stella a tre punte.

DIMENSIONI

Differenze tra W168, W169, W176 e W177
Dimensioni W177 W176 W169 (5 porte) W168 (standard)
Lunghezza (mm) 4.419 4.292 3.883 3.606
Larghezza (mm) 1.796 1.780 1.764 1.719
Altezza (mm) 1.440 1.433 1.593 1.587
Interasse (mm) 2.729 2.699 2.568 2.423
Capacità vano di carico 370-1.210 341-1.157 435-1.370 390-1.190

Lascia un commento

commenti